Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Pisapia sta ammazzando Milano di multe e se ne vanta anche!


Articolo postato il: 30/03/2016
Autore: Enrico Engelmann

In un post su fb l'amministrazione Pisapia ha il coraggio di vantarsi che "94 milioni provenienti dalle multe saranno destinati al potenziamento delle attività della Polizia locale". E poi vengono elencati anche altre voci, tipo "manutenzione delle strade, l’installazione di barriere protettive, l’illuminazione pubblica, gli interventi per la sicurezza stradale", etc...

L'amministrazione Pisapia, come noto, eccelle nel campo della propaganda. Una delle tecniche più usate è quella di spacciare per grandi meriti quelli che sono in realtà suoi precisi obblighi.
Dice infatti la legge (vedere ad esempio http://www.6sicuro.it/multe-auto/multe-auto-dove-finiscono-soldi):

Se i soldi guadagnati con le multe spettano alle casse di Regioni, Province o Comuni, la ripartizione viene operata in maniera differente. Da quanto si legge nella norma, di queste somme complessive c’è un 50% di libera disposizione dell’Ente locale che lo ha incassato e un altro 50% che è invece vincolato per legge a determinati usi. Ed esattamente:

In misura non inferiore a un quarto della quota: destinata ad interventi di sostituzione, di ammodernamento, di potenziamento, di messa a norma e di manutenzione della segnaletica delle strade di proprietà dell’ente;
In misura non inferiore a un quarto della quota: al potenziamento delle attività di controllo e di accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale, anche attraverso l’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature dei Corpi e dei servizi di polizia provinciale e di polizia municipale;

Il restante: ad altre finalità connesse al miglioramento della sicurezza stradale, alla manutenzione delle strade di proprietà dell’Ente, incluse installazione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione delle barriere e sistemazione del manto stradale delle medesime strade, ad interventi per la sicurezza stradale a tutela degli utenti deboli, quali bambini, anziani, disabili, pedoni e ciclisti, allo svolgimento, da parte degli organi di polizia locale, nelle scuole di ogni ordine e grado, di corsi didattici finalizzati all’educazione stradale, a misure di assistenza e di previdenza per il personale e ad interventi a favore della mobilità ciclistica. Quest’ultima quota può essere anche destinata ad assunzioni stagionali a progetto, nelle forme di contratti a tempo determinato e a forme flessibili di lavoro, ovvero al finanziamento di progetti di potenziamento dei servizi di controllo finalizzati alla sicurezza urbana e alla sicurezza stradale, nonché a progetti di potenziamento dei servizi notturni e di prevenzione, all’acquisto di automezzi, mezzi e attrezzature dei Corpi e dei servizi di polizia provinciale e di polizia municipale, destinati al potenziamento dei servizi di controllo finalizzati alla sicurezza urbana e alla sicurezza stradale.


Quindi, nessun motivo di vanto!
Ma in realtà tutto ciò è un'excusatio non petita che dimostra solo che l'accusatio è manifesta! Infatti Milano è la città in cui viene comminato il maggior numero di multe.
Scondo questo articolo, "Già due anni fa con 137 milioni a bilancio si era qualificata capitale italiana delle multe, ma nel 2015 è riuscita a fare persino di meglio per difendere il titolo. Il Comune ha incassato 51 milioni in più. I vigili hanno macinato tré milioni e mezzo di verbali – diecimila al giorno – e la cifra totale ammonta a 188 milioni di euro. "
Tale analisi viene implicitamente confermata dal post del Comune su fb, che indica 94 milioni come metà degli incassi provenienti dalle multe.
Si tratta di cifre enormi e in continua crescita da anni e anni. Milano era la capitale delle multe ad esempio già nel 2013 (Milano capitale delle multe: 2 milioni e mezzo l’anno (un paio per abitante, neonati inclusi)).

Malgrado queste enormi entrate aggiuntive non si ricordano riduzioni di tasse locali (anzi, anche loro sono ai massimi di sempre), ne' un miglioramento dei servizi o dello stato delle strade, che sono invece malridotte e malandate come non mai (evidentemente per l'amministrazione Pisapia la sicurezza sulle strade dipende solo dal numero delle multe, segnaletica e manto stradale deve reputarli non rilevanti da tale punto di vista).

La verità è che la giunta Pisapia ha sempre fame di soldi, una fame insazibile. Perché? Perché col denaro si compra il consenso! Quando non si è capaci di ottenere il consenso con le proprie capacità di gestione, l'unica alternativa è quella di comprarlo. Dai un po' di soldi a quell'associazione, un po' a quell'altra, un po' di altri soldi li usi per quello che ti chiede tizio un po' di altri per quello che desidera Caio. E così costoro ti saranno tutti riconoscenti e alle elezioni si ricorderanno di te. Tutto a norma di legge, naturalmente! Non si parla di reati, ma solo dell'utilizzo delle risorse pubbliche secondo precisi e legittimi criteri di interesse politico.
E' un'alternativa molto comoda, perché i soldi ovviamente non sono quelli propri, ma quelli dei cittadini, su cui l'amministrazione può estendere il proprio controllo attraverso le tasse e, appunto, le multe. Multe che godono anche del vantaggio aggiuntive di essere molto meno vistose: infatti nel conteggio delle tasse non entrano e nessuno ha la visione chiara della loro entità, dato che ognuno conosce bene solo quelle che prende in prima persona e le statistiche non scaldano gli animi più di tanto. Il caso di chi avrà la vita rovinata dalle multe (basta fare certi tipi di lavori, per rischiare di prenderne tantissime) rimarrà quindi sconosciuto al pensionato che non guida più, oppure al giovane radical chic che per il tragitto fino al locale fashion alternative a due passi dalla sua casa in centro usa solo la bicicletta!
Ah, già. perché usare la bicicletta garantisce impunità pressoché totale (E' certo: i ciclisti godono di impunità).

Ciliegina sulla torta, l'amministrazione Pisapia si diverte anche un po' a prendere i cittadini per il lato B. Infatti "potenziamento delle attività della Polizia locale" cosa significa? Beh, ovviamente significa più multe, dato che fare multe è quasi l'unica occupazione dei vigili!
Quindi la giunta Pisapia si sta vantando di averci fatto più multe e di avere quindi più soldi per potercene fare ancora di più!
Ma del resto, finché la gente mugugna in privato ma poi non agisce in alcun modo, perché non farlo? I soldi, come detto, fanno sempre comodo!

Adesso le elezioni sono vicine. Un occasione per mandare a casa questi parassiti e provare a mettere su qualcuno che magari sarà meglio! Certo, la certezza non la si ha! Magari anche gli altri avranno inclinazioni parassitiche. Ma con quelli che ci sono adesso lo sappiamo per certo! Quindi un ottimo motivo per tentare una delle alternative.
Non saranno all'altezza? Intanto si sarà dato un segnale e alla prossima tornata ci presenterà qualcuno ancora migliore!

E oltre a mettere una croce, che si può fare in più? Si può intervenire sui social (ma lì dove serve per dare un segnale politico, non nei gruppi dove si è già tutti d'accordo). Si può protestare scendendo in strada (Protesta contro le multe selvagge in viale Fulvio Testi), si può fare resistenza passiva facendo ogni volta ricorso al prefetto (che non costa niente e si vince di regola per abbandono, se si fa un ricorso ampiamente motivo e ricco di materiale, perché il prefetto ha altre cose più importanti da fare che non occuparsi di multe). E' chiaro che se tutti facessero ricorso, le probabilità di vincere salirebbero enormemente e le multe diventerebbero per il Comune un sistema poco appetibile per aumentare le proprie entrate.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!