Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

INCONTRO AL CAFFE' FERMENTO PER DECIDERE COME PROCEDERE CONTRO
TICKET, ESTENSIONE DEL GRATTA E SOSTA ED ALTRE MISURE CHE POTREBBERO VENIRE INTRODOTTE


17/07/2007

Presenti:




Tama (Motocivismo), Atrent (Motocivismo), Leoni (AAE0), Simone (simpatizzante
Motocivismo, transalpista), Engelmann (sos-traffico-milano)



Dopo avere un po' fatto il punto della situazione e avere riepilogato i
punti più scottanti (ticket e estensione gratta e sosta, ma anche la spada di Damocle
della messa al bando dei veicoli Euro 0/1, blocchi del traffico che non tengono conto
che le moto Euro 4 non esistono ancora, carenza dei mezzi pubblici), si è passati a pensare
che tipo di azioni mettere in cantiere.

Si è così convenuto in una manifestazione in due tempi. La manifestazione vera e propria
avrà la forma di un


Tour turistico sul proprio mezzo dei palazzi del potere a Milano
,

verso i quali confluiscono i soldi provenienti dagli automobilisti e dai motociclisti
milanesi (e lombardi): Palazzo Isinbardi, sede della Provincia di
Milano, dove vanno i soldi delle tasse di immatricolazione e dei passaggi di
proprietà; si andrà poi a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, punto
di arrivo dei soldi del "gratta e sosta", luogo magico in cui un pedaggio è
stato trasformato in "tassa sull'inquinamento"; ultima tappa del tour, ma
non per importanza, il Grattacielo Pirelli, sede della Regione Lombardia,
dove finiscono i soldi delle tasse di proprietà e si decide quando dobbiamo
cambiare auto o moto e buttare anche gli ultimi spiccioli che ci sono
rimasti.

La manifestazione avrà luogo Sabato 29 Settembre, in orario ancora da decidersi,
presumibilmente di mattina. Ovviamente sarà aperta a tutti gli interessati!

2 settimane prima, probabilmente Domenica 16 Settembre si terrà una premanifestazione,
consistente in una raccolta di iscrizioni in centro. Per l' iscrizione si chiederà una cifra simbolica
in proporzione alla categoria Euro del proprio veicolo, ma all' incontrario,
ovvero Euro 0 per i veicoli Euro 0, 1 Euro per chi ha un Euro 1, e così via.

A breve pagina dedicata, con maggiori dettagli!

In aggiunta si è deciso di preparare un' accurata cartella stampa e di approntare una
adeguata raccolta di brevi frasi che riassumono i concetti più importanti
e i principali motivi per cui la politica sin qui seguita dalle amministrazioni non
è adeguata.

Alcuni punti che si è convenuto meritino grande evidenza nelle discussioni, perchè
argomenti particolarmente forti sono:
  • Ticket d'ingresso e aumenti del costo del parcheggio possono al massimo essere punto d'arrivo,
    da raggiungere dopo avere reso efficiente la rete del trasporto pubblico almeno a
    livello PROVINCIALE, e non certo il punto di partenza per la soluzione del "problema traffico".
  • la dirigenza delle ferrovie Nord-Milano ha dichiarato di NON poter fare fronte
    ad un aumento dell'utenza perchè già oggi i treni sono al limite della loro
    capacità operativa.
  • Per quanto riguarda la messa al bando dei veicoli Euro 0/1 (rischio ancora non tramontato)
    sottolineare che la rottamazione forzata di veicoli ancora efficienti
    e susseguente costruzione di nuovi veicoli per sostiruire quelli rottamati
    oltre ad avere un impatto ambientale pesantissimo, in Lombardia si scontrerebbe
    con la scarsità di autodemolitori autorizzati, che invece di rottamare gli euro
    zero, li venderebbero sui mercati stranieri (est europeo