Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Lettere

Cerca materiale per parola chiave:  

          

ATTENZIONE: A MENO CHE NON SI FACCIA ESPRESSA RICHIESTA IN SENSO CONTARIO, PER PROMUOVERE IL CONTATTO FRA COLORO CHE SEGUONO QUESTO SITO, LE MAIL RICEVUTE VERRANNO INSERITE SUL SITO COMPRENSIVE DELL' INDIRIZZO E-MAIL DEL MITTENTE!

PER SEMPLICI COMUNICAZIONI O PER COMMENTI SI RACCOMANDA DI UTILIZZAE LA BACHECA DI FACEBOOK, IN MODO DA RENDERE PIù EFFICIENTE LO SCAMBIO DI IDEE E DI INFORMAZIONI.


01/12/2009 Blocco Euro 2 benzina

Egr. Sig. Engelmann, vorrei cortesamente sapere se ha informazioni riguardo al blocco delle auto Euro 2 a benzina, sento voci che dicono dal 2010, altre voci che dicono 2014, volevo sapere qualcosa di più preciso.
Cordiali saluti.



Enrico.

Mail inviata da: Enrico

Gentile Enrico,
Purtroppo non sappiamo a riguardo più di quanto si legge sui giornali. Trattandosi di misure destituite di ogni logica e base scientifica, è difficile dire cosa faranno. Dipende solo dalle mutevoli strategie politiche.
Che prima o poi vietino la circolazione anche delle auto benzina Euro2 è però purtroppo assolutamente verosimile. In qualche modo bisogna pur spingere chi un' auto di tale categoria a comprarne una nuova, per far guadagnare un po' chi le produce!


01/12/2009 Progetto mobilità Milano

Gentili Enrico e Vittorio

siamo tre studentesse che frequentano il terzo anno di Ied Comunicazione.
Abbiamo visitato il vostro sito e l'abbiamo trovato molto interessante. Vi scriviamo per chiedervi aiuto su un progetto che stiamo realizzando.

L'Istituto Europeo di Design in collaborazione con l'Assessore Giovanni Terzi e Gianni Merenda ( Amministratore Delegato dell'agenzia Special )
ci hanno assegnato un pogetto relativo alla città di Milano. Il progetto, SiAmo Milano, ha l'obiettivo di far "reinnamorrare" della nostra città tutte le
persone che la vivono.

Il tema assegnato al nostro gruppo è quello della mobilità. Lo scopo del nostro progetto è realizzare un evento, il quale tramite un messaggio sociale riesca a coinvolgere tutti i cittadini milanesi.

Quello che vi chiediamo è di aiutarci a capire il problema principale relativo alla mobilità milanese e sul quale si possa creare un evento.


Ringraziandovi in anticipo per la vostra disponibiltà vi inviamo cordiali saluti.



Besozzi Valentina

Lazarov Micol

Gianuzzi Carolina


Mail inviata da: Carolina

Ciao,

Mi sembra di capire che i punti sono due:

Il problema principale della mobilita' a Milano
Un evento in grado di coinvolgere quanti piu' cittadini possibile.
Per quanto riguarda il primo punto, direi che il problema principale consiste in un deficit di mobilità. Ad esso si è preteso di far fronte essenzialmente, scambiando il sintomo per la causa, ostacolando il traffico privato, invece di facilitarlo e potenziare (realmente) le alternative.

Il deficit di mobilità è strutturale e deriva dal fatto che il mondo moderno richiede piu' trasferimenti e trasferimenti piu' veloci che in passato. Se una volta l' operaio andava a lavorare spesso nella fabbrica vicino a casa, adesso è la regola abitare lontano da dove si lavora. A ciò si contrappone il fatto che Milano è una città in parte strutturata ancora in modo quasi medioevale, con strade strette e a orientamento irregolare. Inoltre i mezzi pubblici non sono stati sviluppati come sarebbe stato necessario, la costruzione dei quartieri residenziali spesso non è stata studiata in modo da associare case a linee di collegamento pubblico (molti quartieri sono stati creati in zone malservite dai mezzi pubblici).

A questi problemi di base si è sovrapposta una politica demagogica, ottusa e opportunistica. Si è cioè scelto di seguire i cattivi consigli di chi, per motivi essenzialmente ideologici, vede nel trasporto privato, in particolare nell' automobile, la causa di tutti i mali, e pensa perciò che la circolazione automobilistica privata vada ostacolata in tutti i modi.
Naturalmente le amministrazioni lo hanno fatto anche perchè gli ha fatto comodo:

- sosta a pagamento: porta soldi, sia direttamente, sia attraverso le multe

- ZTL: portano immagine e portano soldi sia attraverso le licenze di occupazione di suolo pubblico dei locali che installano dehor e tavolini all' esterno, sia, e soprattutto, attraverso le multe comminate agli avventori che non possono che parcheggiare in divieto.

- Ecopass: porta immagina (vedi le lodi di A. Gore alla Moratti e simili) e porta, se possibile, anche soldi (non so se nel bilancio, in rosso, dell' ecopass siano state conteggiate anche le multe, credo di no, ma non ne sono certo, mi sa che contegginadole sia assolutamente in attivo)

Si tratta di una descrizione del problema veramente per sommi capi, purtroppo in questo momento non riesco a scrivere una risposta piu' completa.

Se volete ci si puo' una volta vedere per parlarne di persona, anche dell' aspetto evento.

Un altro sito che vi consiglio di interpellare è motocivismo.it. Loro sono "specializzati" sui motociclisti, ma sono molto preparati anche sugli aspetti piu' generali, in particolare inquinamento e sicurezza.
Ciao,



Enrico Engelmann


21/11/2009 Traslocare a Milano

Ricevo, periodicamente, il notiziario per gli autotrasportatori pubblicato da "MILANOCARRI".


E-mail del 19 novembre:


A MILANO TRASLOCHI VIETATI NEI GIORNI FERIALI


La decisione del vicesindaco di Milano, Riccardo De Corato, di vietare i traslochi nei giorni feriali per rendere più fluido il traffico ha scatenato la protesta delle imprese di trasloco milanesi. Ieri, oltre 100 traslocatori si sono infatti riuniti nella sede della Fai (Federazione Autotrasportatori Italiani) per respingere con fermezza la tesi del vicesindaco. “Le imprese del settore non accettano di fare da capro espiatorio per i problemi del traffico e viabilità del capoluogo lombardo e rivendicano rispetto e dignità per una professione che rappresenta anche un servizio per la collettività cittadina”, si legge in un comunicato stampa firmato da Marco Colombo, segretario di Feder-Traslochi e della Fai di Milano. “I traslocatori programmano con la polizia municipale l’utilizzo del suolo pubblico, fruendo di regolari permessi di occupazione, per i quali pagano regolarmente e anticipatamente tasse di importo considerevole.

Il provvedimento di De Corato è inaccettabile: non è pensabile effettuare i traslochi potendo lavorare solo quattro ore nell’arco della giornata o, peggio ancora, nel fine settimana. Si tratta di limitazioni assurde, decise senza alcuna consultazione con la categoria interessata e che produrranno, inevitabilmente, pesanti ricadute in termini di riduzione del personale occupato in queste imprese, già alle prese con la riduzione dell’attività determinata dalla crisi economica. Le imprese milanesi di trasloco chiedono con fermezza che il vicesindaco ritiri questo inaccettabile provvedimento, dannoso per il settore interessato ma con ripercussioni negative anche per i privati cittadini o imprese: si pensi ai disagi di poter traslocare solo nel fine settimana.

I cittadini e i lavoratori non devono pagare per scelte demagogiche e inutili dell’Amministrazione cieca e sorda rispetto alle necessità di Milano”. Ma i traslocatori non si fermano alle parole e per tutelare la propria attività hanno organizzato per lunedì 30 novembre una manifestazione con un corteo di autocarri, piattaforme e autoscale tra Piazzale Loreto e Piazza della Scala-Palazzo Marino.

Ciao,


Dario


Mail inviata da: Dario

Grazie per la comunicazione.

In effetti le nuove limitazioni sono state poco analizzate nei loro effetti sui giornali, ma non è difficile credere che come al solito si tratti solo di demagogia.

Sul sito del Comune, peraltro, non si trova nulla a riguardo.


20/11/2009 Fw: lettera interlocutoria.

Salve...le giro questa lettera rivolta alle autorità...è esplicativa penso..La chiamerò.Lelli dr.Dino



----- Original Message -----

From: dino lelli

To: DC.PoliziaLocale@comune.milano.it

Sent: Thursday, November 19, 2009 2:17 AM

Subject: lettera interlocutoria.




Salve.Veramente avrei voluto parlare di persona col comandante..non mi è stato possibile.Spiego quì i fatti:

Nato a Milano e residente,affermo:1)ho ricevuto una multa per avere occupato con la mia auto un posto per handicappato ed ho presentato reclamo al prefetto poichè non è vero ed ho prove testimoniali.2)ho ricevuto multa per avere posteggiato nella mia zona(18) poichè l'avviso speditomi a casa e firmato dall'assessore alla mobilità.prof.Croci,è ambiguo,promettendo posto gratuito con righe gialle e anche blu ove c'è la segnaletica apposita(?)ed ho pagato anche se nella sede VVUU di viale Tibaldi hanno convenuto sulla ambiguità della lettera.3)nella via coldilana ove i residenti devono fare i conti con gli scarsi posti a loro riservati e sempre occupati dai frequentatori dei locali ho parcheggiato su righe gialle ma con scritta carico e scarico...ebbene,nonostante non fosse indicata la rimozione forzata la mia auto è stata portata via e ho pagato anche se vedo,per ironia,che quei tre posti sono sempre occupati e nessuno applica quello che hanno fatto al sottoscritto.4)come ultima perla,non veritiera,ricevo in questi giorni un verbale per avere posteggiato in coldilana al n°15 su posto per carico e scarico...e quì non pago poichè c'è un falso evidente ed ho prove testimoniali.5)L'atteggiamento di tipo oppressivo e repressivo da parte di chi veste la divisa è stato più volte vissuto dal sottoscritto che ha dovuto sopportare minacce di sanzioni...se le meritavo perchè non le hanno irrogate?O piaceva a codesti personaggi sentirsi al di sopra e compiacersi del potere sapendo che alla minima e giusta protesta avrebbero mosso accuse anche gravi all'inerme cittadino e lo avrebbero trascinato chissà dove?

Ritengo che esista un comportamento,da parte di coloro che agiscono come ho descritto,di tipo persecutorio,vessatorio e angariante che non comprendo a meno che non ci siano finalità occulte,tutte da indagare.

Poichè si dice che l'Italia è uno stato di diritto rigetto il principio che la mia parola valga meno rispetto a chi veste una qualsiasi divisa.

Mi si dice..."faccia ricorso"...certo che lo farò,ma non basta,sono troppe le cose che non convincono e il cittadino non è un suddito da mungere come facevano i gabellieri nel medioevo.

La mia è una promessa affinchè la legge sia eguale per tutti,senza privilegi e soprattutto venga applicata con Giustizia.

Naturalmente posso provare quanto ho affermato nei tempi,luoghi e circostanze,anche con testimonianze.

Ribadisco la richiesta di colloquio diretto col comandante la polizia locale di Milano poichè ritengo che il rapporto tra cittadino ed autorità sia notevolmente degradato e questo non fa certo onore alla città di Milano.


Lelli dr.Dino


Mail inviata da: Lelli dr.Dino

Gentile dottor Lelli,

La sua storia sembra adatta alla trasmissione "Mi manda Rai3", più che a questo sito, dato che richiederebbe approfondimenti che noi non siamo in grado di effettuare.

Purtroppo non è raro che i vigili si accaniscano contro le "prede" più facili, lasciando poi indisturbati proprio coloro che con maggior prepotenza fanno i propri comodi contravvendo alle leggi e alla buona educazione. Forti coi deboli, deboli coi forti... e davanti alle giuste rimostranze la divisa a fare da scudo...

Sicuramente fare ricorso può essere una buona idea. Molto spesso il Comune neanche si presenta, cosicchè la vittoria è automatica.

Perchè non poi anche non scrivere ai consiglieri di maggioranza (ed eventualmente anche a quelli di opposizione)? Alla pagina Link Utili sono presenti i link che permettono di inviare una mail a tutti i membri singolarmente di ogni gruppo del Consiglio Comunale.

Nel caso volesse in futuro inviarci aggiornamenti riguardo alla vicenda, non mancheremo di pubblicarli.


05/11/2009 Re: Torna attivo sos-traffico-milano.it

Perchè allora non pubblichi anche questo... a dimostrazione che i blocchi euro 0 sono totalmente illegittimi!!!!



Cari Saluti

Giovannelli Francesco

dalla Toscana


Pronunciamento del Ministero dei Trasporti riguardo alle limitazioni alla circolazione privata a Firenze:

Parte 1

Parte 2

Parte 3





Mail inviata da: Francesco Giovannelli

Grazie Francesco, il materiale è adesso anche nella sezione Materiali e Approfondimenti!


01/11/2009 I casi della vita...

Secondo Croci l’Ecopass ridurrebbe le polveri sottili del 22%.

Secondo gli studiosi solo dello 0,7%.

Quindi sarebbe inutile.

Però si paga il ticket d’ingresso e le eventuali multe.

Una delle società che avrebbe fornito la tecnologia delle telecamere per i varchi sarebbe la Elsag-Datamat, del Gruppo Finmeccanica.

Il principale azionista di Finmeccanica sarebbe il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Dubito che l’Ecopass verrà abolito…


http://webdoc.siemens.it/webdoc/download.asp?LibDir=CP-Portale&file=RassegnaStampa%5CMarzo%202008%5C28032008-2.pdf


http://www.elsagdatamat.com/Trasporti.htm


http://it.wikipedia.org/wiki/Finmeccanica#Principali_azionisti


Mail inviata da: Alberto Sperelli


23/10/2009 Modello auto errata su multa

Buonasera.

Volevo chiedere una informazione legata ad una multa per divieto di sosta che
mi è stata di recente recapitata dal comune di Segrate.

La targa ovviamente è quella della mia vettura, mentre il modello indicato
sulla multa non è esatto:

- La contravvenzione riporta Toyota Corolla Berlina

- La mia vettura è una Toyota Corolla Verso (monovolume, non berlina)


L'errore può comportare gli estremi per una contestazione?

Se si in che modo dovrei agire?

Grazie mille in anticipo e cordiali saluti,

Ilario Lizzi.

Mail inviata da: Ilario Lizzi.

Gentile Ilario Lizzi,
L' errata indicazione del modello dovrebbe essere motivo sufficiente per invalidare la multa, dato che viene a mancare la corrispondenza con la targa, che a quel punto potrebbe lei ad essere indicata in maniera errata, in linea di principio.

Prima di fare ricorso aspetti la ricezione della notifica a casa.

Va detto che in generale è spesso conveniente fare ricorso in ogni caso, dato che spesso il Comune semplicemente non si presenta, cosa che porta automaticamente all' accettazione del ricorso.


23/10/2009 congestionamento zona arena v.canonica 22/x

Buon giorno,


ieri sera tra le 20 e le 20:45 il traffico intorno a via mezi deril via, arena, via canonica via procaccini è rimasto bloccato, sapete il motivo.
Inoltre io mi trovavo tra via canonica e piazza gramsci e una pattuglia della polizia stradale ha costretto alcune auto tra cui la mia a defluire nel primo tratto di Palo Sarpi dove ci sono le telecamere.

Spero di non ricevere la multa e se dovesse succedere come dimostro il fatto?

grazie



simona
Mail inviata da: Simona

Gentile Simona,

Non siamo in grado di indicare la causa del blocco da lei menzionato.

Per quanto riguarda il fatto che i vigili l' abbiano fatta deviare verso una strada a traffico limitato, il consiglio è quello di contattare i vigili stessi al numero 02 77271.


04/10/2009 Servizio Tg3 Lombardia

Ciao a tutti!



http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/0 9_maggio_28/sergio_harari_se_comune_da_numeri-1501 405091627.shtml



http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/0 9_maggio_28/smog_ecopass_fallimento_scienziati_inq uinamento_aria-1501404720071.shtml



Contrariamente a quanto sopra esposto, il "guru" dell'Ecopazz Croci, qualche giorno fa al TG3 Lombardia, in occasione di un seminario ospedaliero, assieme ad altri ILLUSTRI personaggi, sbandierava una riduzione dell'inquinamento intorno al 22%, "grazie" all'Ecopazz...

Ma allora gli scienziati, secondo cui la riduzione dovuta ad Ecopazz sarebbe intorno allo 0,77% devono smentirsi e dare ragione al guru? Qui qualcuno dice le bugie...

Il guru, come gli altri apparsi nel servizio, si sono ben guardati però dal dire che esclusivamente l'Ecopazz ha fatto ridurre i ricoveri ospedalieri, forse perchè in questo modo e come sopra spiegato, si vorrebbe dare un senso, ingiustamente, all'Ecopazz, nuovo dazio da medioevo?
Mail inviata da: Alberto Sperelli


17/01/2009 Croci in croce

Tutti contro il padre dell'Ecopass?

E coloro che prima han chiesto il parere dei cittadini e poi han subito benedetto la nascita dell'Ecopass ora sembrano promuovere pellegrinaggi a San Vito Da Ttolico, a quanto pare l'unico vero protettore degli automobilisti, sperando nella grazia della sanatoria pro megamultati.

E chi avrebbe voluto l'estensione dell'Ecopass, legalmente impossibile poichè non previsto nella seconda parte del Decreto Bersani, ora pare aver cambiato idea.

Ravvedimento o elezioni in vista?
Mail inviata da: Alberto Sperelli


16/11/2008 EcoTass a Milano: primi confront

Ciao :-)


ecco in allegato un primo confronto delle concentrazioni di PM10 a Milano tra gli ultimi 15 giorni di ottobre 2007 (senza ecoTass) e gli ultimi 15 giorni di ottobre 2008 (con ecoTass).


A voi trarre le debite conclusioni....


Manuela Reggiori

Ufficio Stampa Comitato Motocivismo

ufficiostampa@motocivismo.it

Mail inviata da: Ufficio Stampa Motocivismo

Non si può che ringraziare ancora una volta gli amici di motocivismo.it per il loro prezioso lavoro!

Nel merito, in realtà, i dati raccontano una cosa che era già chiara, ovvero che l' ecotass è una presa in giro, buona solo per estorcere soldi ai cittadini.


27/10/2008 Le infinite... CROCI di Milano...

Ecopass e ZTL ti hanno stressato?…


E vai con le ZRU!:


con le zone di rilevanza urbanistica il pensiero crociano riesce ad aggirare “l’ostacolo burocratico” rappresentato dai ricorsi al Giudice di Pace che i cittadini presenterebbero dopo la non remota possibilità di comparsa delle striscie gialle sulle strade periferiche milanesi.


E il pensiero crociano partorisce quindi le striscie blu gratuite per i residenti, appunto sul suolo periferico.


Tutto qui?…


Pensavo peggio!….


Ma….


A pensarci bene….


Forse ecco il perché della comparsa di alcuni tabelloni luminosi, presumo sperimentali, e di telecamere ed illuminatori all’infrarosso anche in alcune strade periferiche milanesi….


Mi spiego meglio:


simili pannelli sono stati installati in passato in zone tipo quella di Segrate dove tempo fa la Guardia di Finanza sequestrò i famigerati T-RED non esattamente regolamentari….


Ed ecco il perché di un “simpatico” flash, per quanto sperimentale, che ogni tanto mi ricorda che percorro la Via Livigno alla modica velocità di 43Km/h:


Possibile?….


Un flash in pieno giorno a 43Km/h?….


Diamo un’occhiata allora a questo link:


www.arezzo.net/retecivica/URP/URP.nsf/PESDocumentID/1BAC9FDCC73782C2C1256C7900333907?opendocument&FROM=Cntrvvnzn3

Se non sbaglio dunque, se Arezzo è in Italia…


Ma allora nelle ZRU il limite massimo di velocità è di 30Km/h?…


Ho letto bene?…


Cioè non possono più beccarti con i T-RED tarocco ma posso multarti mentre tu credi di essere in regola con il Codice della Strada, viaggiando sotto i 50Km/h ma sopra i 30Km/h.


Per non correre rischi, consiglierei per il futuro di condurre le auto nelle zone periferiche preferibilmente…


A SPINTA!…


Occhio però alle discese!

Mail inviata da: Alberto Sperelli

Considerazioni inquietanti, che però, considerando la gente che sta in Comune, sono tuttaltro che irrealistiche!


20/10/2008 Nebbia a Milano (o quasi...)

Ciao a tutti!
A Milano è tornata la nebbia!...
O quasi:

Ieri sera in Viale Jenner... Fumo?... Nooo!..... Nebbia?.... Nooo!.....
Polvere? Sììì!.... Ma tantissima però!....

Ed anche tantissimo rumore e puzza di motore due tempi!....

Una vera tortura!...

E sì... Questi motociclisti.... O no?.... Nooo!.... Nooo!.... E non prendiamocela neanche con gli eurozero!....

Era solo un operatore ecologico al lavoro con un motosoffiatore.....

Un vero strumento di tortura per lui e per i passanti che peraltro non indossano cuffie insonorizzanti, occhiali protettivi e mascherine antipolvere.
Su questo strano modo di pulire le strade, contrario a tutti i dettami di una effettiva sostenibilità ambientale, vi mostro questo interessante link:
http://www.sicurezzaonline.it/homep/infcro/infcro2006/infcro200604/infcro20060403sofpor.pdf

Spero solo che le centraline dell'ARPA per il monitoraggio di polveri e inquinanti non vengano influenzate da queste non proprio salubri pratiche, anche se francamente ne dubito...

E poi vai con le polveri oltre i limiti di legge ed i conseguenti blocchi del traffico!...
Mail inviata da: Alberto Sperelli


18/09/2008 Come volevasi dimostrare

Oh, che bello!

Avevamo tutti bisogno dei commenti degli stilisti (Armani in testa)...

Finalmente qualcuno che conta si è accorto della lenta, progressiva e inesorabile trasformazione notturna del centro di Milano in una sorta di sinistra zona fantasma...

Eccoli, a quanto pare, gli effetti di Ecopass, ZTL, striscie gialle, blu, corsie preferenziali, eccetera...

Ma noi cittadini, non avendo voce in capitolo e non contando niente, lo avevamo già previsto...

Parole al vento...

Unica alternativa:

pago, prendo il metrò, mi respiro una sana boccata di polveri sottili dieci volte oltre i limiti di legge e vado in centro...

Oppure pago l'Ecopass, inquino, pago il parcheggio e....

E io pago!....

E intanto i negozi chiudono....

Altri tempi erano quelli del rumoroso ma vivo centro di Milano facilmente raggiungibile da chiunque a bordo dei propri veicoli....

E ci si poteva incontrare al caffè all'angolo....

Quattro chiacchere, un'occhiata alla vetrina del vicino negozio e magari l'acquisto di un oggetto particolare, uno di quelli che trovavi solo in centro....

Ma allora, è questa la Milano sostenibile o lo era quella di un tempo?...

Ridateci il traffico, il rumore, il commercio di un tempo....

In tre parole, la vita del centro di Milano!


__________________________________________________
Mail inviata da: Alberto Sperelli

D' accordo in tutto!


18/09/2008 NEWS

Ciao a tutti!

Sono proprio contento!

Qualche giorno fa ho letto su "Cronaca Qui", edizione di Milano, una notizia sulla poco nota AMA (Azienda Milanese Mobilità e Ambiente).

Sarebbe recentemente passata sotto il controllo del Comune di Milano, come AMSA, ATM, eccetera.

E' la società che, a quanto pare, prima si è occupata di analizzare i risultati dell'Ecopass per conto del Comune di Milano e quindi, ora, direttamente, per il Comune di Milano.

Un ottimo esempio di professionalità ed imparzialità...

Mail inviata da: Alberto Sperelli

Già! E al referendum vogliono sostituire un meno rischioso "sondaggio di opinione"! Grande serietà come sempre!


10/09/2008 Proposte

Ciao a tutti!

Propongo l'estensione dell'impiego dei velivoli robotizzati anche nell'analisi degli stabili destinati all'edilizia popolare, oltre che per la valutazione dello stato di salute delle guglie del Duomo di Milano.

La cosa più simpatica è probabilmente stata rappresentata dal momentaneo ritorno all'infanzia dei passanti milanesi, tutti col naso per aria seguendo le evoluzioni di un elicotterino radiocomandato che svolazzava tra le guglie.
Impossibile non notarlo e sentirlo "grazie" alle sue fumose e rumorose emissioni.

Invece i nostri amati veicoli euro zero, uno, due, eccetera, purtroppo però, evidentemente, non se li fila nessuno, forse perchè emettono meno fumo e rumore?

Allora forse sarebbe meglio tamarrarli un pochino magari smontando i relativi silenziatori e catalizzatori?

Così sicuramente non passerebbero inosservati e forse qualcuno potrebbe anche trovarli simpatici, non essendo dotati di fotocamere e telecamere in barba alla privacy...

Forse però, dotandoli di ali...

Chissà...

Forse si riuscirebbe ad evitare le famigerate limitazioni alla circolazione degli euro zero, uno, due, eccetera e non si pagherebbe l'Ecopass!

Propongo inoltre l'apertura delle corsie riservate a tutti i motocicli o, in alternativa, consiglierei a tutti i motociclisti l'acquisto di un ottimo kit di ipervisione bionica, date le dimensioni del simbolo del motociclo, spesso riportato nei cartelli in una dimensione apparentemente molto simile all'Arial Uno!

Mail inviata da: Alberto Sperelli


07/09/2008 Re: Per non dimenticare...

Ciao Enrico!

Concordo pienamente!

NEWS: Un malefico banner attualmente non permette di visualizzare direttamente il video-prova de "Le Iene" sulla inutilità dell'Ecopass.
Sul relativo sito sito di Mediaset è possibile comunque trovarlo subito digitando, nell'apposito spazio in alto a destra, la chiave "PELLIZZARI QUALITA' DELL'ARIA" e poi cliccando il relativo "PLAY" in basso.

SABOTAGGIO IE'????!!!!!!

Scherzo!

Mi congratulo intanto con Penati che finalmente ha dichiarato che l'Ecopass è inutile...

Suor Letizia invece, reduce dal Meeting ciellino, lo accusa di far campagna elettorale...

MAAAHHH!....

Cordialmente.

Alberto

Mail inviata da: Alberto Sperelli

Allora ci si trova per organizzare una lista...? Non credo sia una cosa da niente! Ma bisognerebbe pensarci sul serio.


04/09/2008 STRADE PERICOLOSE A MILANO - INTERVENIRE!

MILANO, 04 SETTEMBRE 2008 – Telefono Blu – SOS Consumatori raccoglie le lamentele dei cittadini milanesi appena rientrati in città e al lavoro. Si segnalano ancora molti cantieri e molte strade in condizioni pessime; in particolare sono giunte molte segnalazioni per Via Bardolino. Il rischio che corrono le varie famiglie che vi risiedono (circa 100), in quanto la strada della larghezza di una corsia e mezza, a doppio senso di marcia, è sprovvista di marciapiede ed è percorsa da mezzi pesanti per tutto il giorno senza un minimo di ordine e di sicurezza per circa 1 km. Non passano mezzi pubblici, pertanto chi vuole percorrere la strada in bicicletta o a piedi (in quanto non ha altro mezzo per farlo o perchè non vuole poi impazzire per parcheggiare la propria auto vista la presenza eccessiva di strisce gialle e blu ovunque), mette a rischio la propria vita.


Telefono Blu, dunque, invita la Polizia Municipale e l’Amministrazione Comunale a vigilare sullo stato delle nostre strade e vie cittadine, per ridare sicurezza, oltre che decoro alla nostra città. I cittadini sono avvisati e ben sanno, ormai, che possono ricorrere all’Autorità Giudiziaria per eventuali richieste di risarcimento danni dovuti all’incuria delle strade in città.


Telefono Blu – Sos Consumatori invita sempre i cittadini a segnalare e denunciare i casi, i disagi e le lamentele a Telefono Blu (Centralino di Milano: tel. 02-76003013 - Sito internet http://www.telefonoblu.it/), al fine di denunciare i disservizi e i disagi legati al mondo del consumo e alla sua tutela.


Mail inviata da: Consumatori Milano


28/07/2008 comunicato stampa . DOPO LE MULTE PAZZE . LE MULTE INVENTATE . MA STAVOLTA RACCOGLIAMO DOSSIER A SETTEMBRE FACCIAMO I CONTI

Telefono Blu mentre lancia l’appello ai Sindaci degli oltre 4000 comuni turistici perché non facciano multe ai turisti e guadagnino il loro consenso sui servizi offerti , lancia una nuova campagna , per cui ha già raccolto dati e testimonianze che renderà pubbliche al momento . Si tratta sempre di multe . In questo caso pero’ sotto la lente di ingrandimento sono le cosidette multe “da fermo “ ed in particolare quelle in cui l’agente di polizia municipale dichiara di essere impegnato in altro e di fatto in realtà non è presente o non è comunque in divisa (piu’ di una sentenza della Cassazione condanna tale comportamento e per fortuna visto che saremmo in uno stato di diritto ) .Da alcune zone d’Italia in città ci stanno pervenendo queste denuncie . Per poter raccogliere il maggior numero di ricorsi Telefono Blu chiede agli organi di informazione di denunciare il fatto ( pur preferendo non dare alibi) contattando da subito il centralino unico nazionale 199.44.33.78 o meglio ancora inviando email dal portale www.sosviaggiatore.com (pronto multe ). Dati alla mano secondo l’associazione ogni famiglia mediamente 4 multe all’anno per un importo sempre piu’ vicino ai 200 euro , e ovviamente fatti come quelli su cui si sta indagando aumentano l’esasperazione . Telefono Blu è pronto anche ad una campagna di settembre verso i governo perché si modifichino alcune regole del codice della strada ed in particolare su vigili elettronici ,tutor e quant’altro . Ne vedremo delle belle sottolinea la direzione della associazione dei consumatori


Mail inviata da: Telefono Blu Sos Consumatori


28/07/2008 BASTA STRISCE BLU A MILANO

Qualche giorno fa il Corriere della Sera spiegava che ROMA toglierà le strisce blu, mentre MILANO LE RADDOPPIERA' nei prossimi mesi.


Visto che a Milano la crisi economica e i costi sono elevati almeno
quanto Roma, e che da noi e' gia' in vigore l'ECOPASS da cui il Comune ottiene ricavi, chiedo se sia possibile intervenire per bloccare i prossimi
provvedimenti e far togliere tutte le strisce blu al di fuori della
cerchia dei Navigli.


Ci sono zone di Milano (Bicocca, Lotto, Zara, Repubblica) che sono piu'
o meno decentrate e non sempre servite da mezzi adeguati, in cui i
residenti hanno diritto a parcheggiare gratuitamente sulle strisce gialle e agli
altri rimane solo da pagare 1,20€ l'ora...

io guadagno circa 1300€ al mese (e mi ritengo fortunata...), uso la macchina esclusivamente per andare a lavorare perche' alle 8 devo essere gia' in classe a sorvegliare gli studenti e impiego 15 minuti...come posso prendere 2 mezzi e impiegare 1 ora?


la qualita' della vita dei milanesi e' pessima, possiamo almeno
non essere tartassati ingiustamente?

Si puo' fare qualcosa? si puo' agire prima che vengano fatti i danni?
ma noi milanesi dobbiamo sempre subire?

GRAZIE



Mail inviata da: LAURA GIRALDI

Condividiamo completamente le sue parole. Purtroppo quelli che si fanno sentire sono sempre i soliti: ecotalebani in servizio permanente effettivo, politici in cerca di visibilità, costruttori che vogliono convincerci con le buone o con le cattive a comprare auto e moto nuove (col pretesto che inquinano meno), radical chic che vanno al lavoro in bici (perchè abitano in centro e lavorano in centro).

Chi invece lavora sodo quasi mai ha tempo e forza di far sentire la propria voce, e così tende piuttosto a lavorare ancora un poco in più per pagare anche il parcheggio, l' ecopass, le multe, il box e così via.>br>
se vuole sostenerci, di cose da fare ce ne sono tante: aggiornare rassegna stampa e fotogallery, scrivere articoli, diramare comunicati stampa, raccogliere materiale, etc...

Chiaro che più si è, più si riesce ad ottenere.