Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Superati ancora i limiti. Polemica sul calendario delle giornate ecologiche
Smog, dodici giorni «fuorilegge»
Scatta lo stop per 120 mila auto
Via alla prima fase dell'emergenza. Domenica blocco totale. Raccolta firme per l'abolizione dell'Ecopass

Articolo del: 06/10/2011
Autore: Gianni Santucci

Vai all' articolo originale

MILANO - La prima azione antismog della giunta Pisapia è dettata dalle regole scritte dall'ex sindaco Moratti. È in base a quella vecchia ordinanza, che risale al 24 gennaio ed è ancora in vigore, che da oggi vengono bloccate circa 120 mila auto (vai alla scheda dei divieti). E domenica nessuno potrà circolare tra le 8 e le 18. Domenica a piedi, dopo la serie di 12 giorni con lo smog sopra le soglie. Fermi da oggi i veicoli a benzina Euro 0, i diesel Euro 0, 1 e 2 senza filtro antipolveri e le moto e i motorini a due tempi Euro 1 e, se a gasolio, Euro 0 e 1. Il divieto è in vigore a Milano, ma se si considerano tutte le auto immatricolate in Provincia e che spesso entrano in città, i mezzi coinvolti dal blocco potrebbero essere quasi 300 mila. Lo stop al traffico di domenica, invece, riguarderà tutti i mezzi.

Queste sono le misure della «Fase 1» della vecchia delibera. Non si dovrebbe arrivare alla «Fase 2» (dopo il 18esimo giorno «rosso») perché, secondo le previsioni meteo, nel fine settimana vento e pioggia dovrebbero disperdere l'inquinamento. La domenica a piedi arriverà probabilmente con lo smog già rientrato nei limiti (per informazioni sui divieti e i blocchi, oltre a visitare il sito del Comune, si possono contattate i seguenti numeri: 020202; 800368636; sabato e domenica, dalle 7 alle 19, 02-77270398). Potrebbe comunque essere l'ultimo blocco domenicale stabilito all'ultimo momento: insieme alla bozza di modifica per inasprire le misure antismog (fino alla quasi totale chiusura al traffico della cerchia dei Bastioni), l'assessore alla Mobilità, Pierfrancesco Maran, sta valutando l'ipotesi di una serie di domeniche «ecologiche» decise a tavolino, probabilmente una al mese.

Un progetto sul quale è molto critico il Verde Enrico Fedrighini: «Una o anche due domeniche a piedi al mese non servono a nulla per combattere l'emergenza smog». L'ambientalista suggerisce altre misure: «Accesso gratuito in tutti i parcheggi di corrispondenza Atm, tra le 7 e le 9 del mattino, alle auto con 3/4 persone a bordo; tariffa agevolata del biglietto Atm a 2 euro per l'intera giornata; accesso e sosta libera delle biciclette all'interno dei parcheggi di interscambio lungo tutte le linee del metrò; corsie preferenziali riservate al trasporto pubblico che proviene dall'hinterland e alle auto con almeno 3 persone a bordo». Diversa la posizione del capogruppo del Pdl, Carlo Masseroli: «Programmare le domeniche a piedi per favorire altre forme di mobilità può avere senso, ma se può anche essere un'occasione per le grandi arterie commerciali, non si può assolutamente pensare di bloccare tutta la città. Ad esempio, nel periodo natalizio, bisogna lasciare aperto il traffico in periferia e far vivere quei quartieri con eventi e manifestazioni».

Su un altro tavolo di lavoro aperto a Palazzo Marino, ieri sono andati avanti gli incontri con le categorie produttive sulla trasformazione dell'Ecopass in congestion charge , il ticket da 5 euro per tutti. Il Comune sta cercando di capire che tipo di deroghe e agevolazioni potrebbero eventualmente essere concesse al trasporto merci. In piazza San Babila, oggi, partirà invece una raccolta firme per l'abolizione dell'Ecopass. A guidarla, l'assessore regionale del Pdl Stefano Maullu, che spiega: «Occorre creare una cabina di regia che ponga in essere delle linee guida uguali per tutti. Non bastano soluzioni tampone come i blocchi palliativi, le targhe alterne e quant'altro. Adesso si rischia che per entrare a Milano pagheranno tutti. Ecopass è una tassa e basta».

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!