Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Smog sette giorni sopra i limiti
nuovo stop ai veicoli inquinanti
Il provvedimento scatterà all'indomani della domenica a piedi indetta da Palazzo Marino
In città la giornata a piedi nel segno delle iniziative che hanno coinvolto anche i musei

Articolo del: 21/11/2011


Vai all' articolo originale

Per sette giorni consecutivi, da domenica 13 a sabato 19 novembre, le concentrazioni di Pm10 hanno superato a Milano la soglia consentita di 50 microgrammi per metro cubo. Sulla base degli sforamenti certificati da Arpa (Agenzia regionale protezione e ambiente), il Comune rende noto che da domani scatterà l'ordinanza del 18 ottobre, in base alla quale non potranno circolare dalle 0 alle 24 i veicoli più inquinanti.

Si tratta degli stessi mezzi già fermi durante la settimana dalle 7,30 alle 19,30, per via del provvedimento regionale applicato dal 15 ottobre. L'ordinanza sindacale prevede la revoca di queste misure nel caso in cui i valori delle polveri sottili rientrino nel limite consentito per tre giorni consecutivi. E' probabile che già da oggi l'aria potrebbe migliorare grazie al blocco della circolazione dalle 10 alle 18. L'Arpa ha certificato che ieri si è raggiunto il settimo giorno di sforamento con i seguenti livelli: 77 g/mü alla centralina di Pascal Città Studi, 97 in via Senato e 109 al Verziere.

I veicoli che da domani non potranno circolare sono i benzina Euro 0; i diesel Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 non dotati di sistemi di riduzione della massa di particolato allo scarico, in grado di garantire un valore di emissione del particolato almeno pari al limite fissato per lo standard Euro 3; ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli a due tempi Euro 1, Euro 0 ed Euro 1 alimentati a gasolio. Le misure adottate sono sospese dal giorno successivo all'acquisizione ufficiale dell'avvenuta condizione
di assestamento dei valori di Pm10 sotto la soglia giornaliera di 50 microgrammi per metro cubo.

E a proposito della domenica a piedi, sono state le iniziative in città. Aperto in mattinata Palazzo Marino, nel pomeriggio visite in chiese solitamente chiuse e laboratori gratuiti nei musei. Per circolare sono state messe a disposizione le biciclette del bike sharing dell'Atm (l'azienda trasporti di Milano) e le auto elettriche di Fnm e Trenord. Ma i milanesi si sono organizzati anche con tanti mezzi alternativi, come i pattini, le auto a pedali, qualche carretto trainato da un cavallo. Poche le deroghe al blocco della circolazione e tutte devono essere certificate dai datori di lavoro. Le multe si aggirano attorno ai 150 euro. A chi ha il permesso di girare in auto è stato inoltre suggerito di non superare i 30 chilometri all'ora. I controlli dei vigili urbani sono stati 2.765: 828 gli automobilisti multati perché non avevano il permesso di circolare.

Altissima l'adesione alle iniziative organizzate per la giornata a piedi: 2.500 ingressi alle Gallerie d'Italia, 6.000 al Museo del 900 , 5.000 alla Pinacoteca di Brera e più di 700 persone hanno assistito nella sala Napoleonica dell'Accademia alla lectio magistralis di Dario Fo, che per due volte (più una registrazione) ha commentato tre grandi opere del Tintoretto, Raffaello e Piero della Francesca.


Affluenza record sui mezzi pubblici. Secondo dati forniti da Atm, l'azienda dei trasporti pubblici, dall'inizio del servizio fino alle 17.30 in metropolitana si è registrato un aumento dei passeggeri di oltre il 60 per cento rispetto a una domenica normale. Per il servizio di superficie, nelle zone centrali della città l'incremento di passeggeri è stimato in oltre il 30 per cento rispetto ad una domenica senza il blocco del traffico.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!