Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Iniziativa di protesta della Lega: «restituiamo le lettere al sindaco»
Area C, boom di contatti sul sito del Comune
Oltre 136 mila gli accessi registrati in una settimana. Due nuovi uffici in piazza Duomo e via Pini

Articolo del: 06/01/2012


Vai all' articolo originale

MILANO - Sono stati oltre 136 mila gli accessi registrati in una settimana alla pagina internet www.areac.it del portale del Comune di Milano dedicata alla nuova congestion charge di Milano Area C, che prenderà il via il 16 gennaio nella Cerchia dei Bastioni. La pagina, che ha debuttato ufficialmente sul sito di Palazzo Marino il 29 dicembre, ha raggiunto in sette giorni 136.301 visite. Un successo analogo, fanno sapere dal Comune, lo hanno avuto anche le linee telefoniche del numero 02.0202: nella settimana dal 29 dicembre al 4 gennaio il centralino del Comune ha ricevuto quasi 31 mila telefonate di cittadini, di cui il 19% circa hanno chiesto informazioni riguardanti Area C. Nella sola giornata di mercoledì 4 sono arrivate 1.608 chiamate.

LE INFORMAZIONI - La pagina più cliccata tra quelle dedicate ad Area C, oltre alla homepage che si aggira intorno ai 50 mila contatti, è stata quella sulla «Regolamentazione dell'accesso», con 16.178 visite, dove è possibile informarsi sui veicoli a ingresso libero (elettrici, moto e motorini, con contrassegno invalidi e, fino al 31 dicembre 2012, ibridi, bifuel, metano e gpl), derogati ed esentati, così come sulle vetture che potranno accedere solo a fronte di pagamento (benzina Euro 1, 2, 3, 4 e 5, diesel Euro 4 e 5 e, fino al 31 dicembre 2012, diesel Euro 3 residenti e di servizio) e su quelle che non potranno invece più accedere al centro (benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1, 2 e 3 e veicoli di lunghezza superiore a 7 metri). La classifica prosegue con le pagine sulle tariffe (14.795), sui varchi che delimitano la Cerchia dei Bastioni (12.644), sulle modalità di pagamento e attivazione dei tagliandi (11.222) e sulle agevolazioni per i residenti (8.144).

GLI UFFICI - A partire dal 16 gennaio, giorno in cui nascerà Area C, saranno attivi due uffici appositi, in piazza Duomo (ex Cobianchi, angolo via Silvio Pellico, dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 16.30, per i soli residenti) e in via Tommaso Pini 1 (dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 16.30 con orario continuato) per registrarsi e ottenere il Pin che consente di accedere alle agevolazioni. L’ufficio di via Pini sarà, inoltre, a disposizione di tutti i cittadini per richiedere informazioni sulla congestion charge. Per facilitare i milanesi, si dà la possibilità di regolarizzare entro, e non oltre, il 17 marzo 2012 tutti gli ingressi effettuati in Area C dal 16 gennaio al 16 marzo. Le altre forme di registrazione per i residenti sono il sito web (www.areac.it) e il call center (800.437.437). In nessuno dei due uffici è possibile acquistare i tagliandi, che sono invece disponibili tramite RID, tabaccherie, edicole, Atm point, call center, sito web, sportelli bancomat Intesa Sanpaolo e parcometri.

LA PROTESTA DELLA LEGA - Intanto, il gruppo consiliare leghista ha organizzato per il fine settimana alcuni punti di raccolta dove i cittadini contrari all'Area C potranno lasciare la lettera firmata dal sindaco Giuliano Pisapia arrivata nella propria casella, da riconsegnare al Comune. «Stanno arrivando le prime lettere del sindaco che cerca di indorare la pillola dell'Area C - spiega il consigliere del Carroccio Alessandro Morelli - e la Lega Nord organizza per sabato e domenica dei punti di raccolta delle missive che i milanesi vogliono rimandare indietro al sindaco». I cittadini potranno così portare la loro copia della lettera in molte piazze del centro del capoluogo lombardo, a partire da piazza San Babila, «e noi penseremo a riconsegnarle, a nome di migliaia di milanesi, direttamente a Pisapia». Per l'esponente lumbard, l'iniziativa «sarebbe una nuova opportunità per il sindaco della condivisione, dopo le firme raccolte e i ricorsi, per far proprio il parere dei milanesi sul dazio rosso, tanto voluto dalle associazioni ambientaliste che lo hanno sostenuto in campagna elettorale».

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!