Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Box sotterranei, alt del Comune
all'aumento selvaggio dei prezzi
Palazzo Marino sarà garante fra costruttori e cittadini. Si parte da piazzale Accursio:
440 posti auto che all'inizio costavano 18mila euro l'uno e ora sono arrivati a 30mila

Articolo del: 07/02/2012
Autore: ILARIA CARRA

Vai all' articolo originale

Il Comune blocca l’aumento selvaggio dei prezzi dei box sotterranei, facendosi garante tra i costruttori e quei cittadini che hanno comprato un garage ma, dopo anni di ritardi, si ritrovano ancora a mani vuote e, la beffa, con costi lievitati. L’operazione “salva acquisto” è pronta, varrà per tutti parcheggi con cantieri avviati. Piazzale Accursio è il test pilota: dai 18mila iniziali il costruttore si è spinto a richieste di 30mila. Troppo, per Palazzo Marino, che dice: il prezzo lo decide l’amministrazione e, soppesando i maggiori oneri proposti dalla Salini che realizza, sarà di 20.400 euro. Il costruttore ha già annunciato il ricorso: ma solo se vincerà avrà i soldi in più che chiede. Così il cittadino avrà più tutele, a differenza di prima.

In passato andava spesso diversamente. Fissato il prezzo nella convenzione, piovevano poi denunce al Comune di extracosti da parte dei concessionari. E qui ci si perdeva per anni, mentre tra le parti ci si accordava sul rogito a prezzo lievitato (tra l’inerzia delle ex amministrazioni). «Oggi invece interveniamo — annuncia l’assessore ai Lavori pubblici, Lucia Castellano — sono opere con il logo del Comune e non tolleriamo prezzi folli. Così, in attesa della consegna, si può rogitare, ma al prezzo stabilito dall’amministrazione. E solo se il giudice darà ragione al costruttore il cittadino pagherà il resto».

Una sorta di compravendita
a prezzo differito. Non solo. «Una soluzione con cui ci riprendiamo il ruolo da garante mancato in passato, con una certa responsabilità da parte della vecchia amministrazione — critica Castellano — salvando il profilo “pubblico” dell’operazione». Entro fine mese toccherà anche all’autosilo di via Leoncavallo e a marzo sarà la volta del tormentato parcheggio di piazza Novelli dove un garage da 28mila euro è schizzato quasi al doppio. Ma c’è una mosca bianca: a fine mese aprirà il parcheggio di via Dragoni, lavori della cooperativa La Torrazza, «esempio virtuoso — dice Castellano — di rispetto di tempi e prezzi».

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!