Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Pass per le corsie riservate: oltre 4mila nomi
tra politici, giornalisti , banche e aziende
Palazzo Marino vuole tagliare del 40% l'«esercito» dei detentori dei permessi

Articolo del: 30/03/2012


Vai all' articolo originale

MILANO - Banche, politici, giornalisti, aziende e sindacati. Sono circa 4mila i pass validi che consentono l'uso delle corsie preferenziali in città. Si tratta di autorizzazioni che, varate ai tempi della giunta Albertini, si sono poi ampliate nel tempo, finendo «fuori controllo». Un lungo elenco di nomi, anticipato da Repubblica ( TUTTI I NOMI: GUARDA)

L'INDAGINE - Il Comune ha avviato una sorta di «indagine» con l'obiettivo di tagliare i permessi almeno del 40 per cento. I 4.078 pass che andranno riesaminati e ridotti. Una fetta sono riservati ai politici nazionali (circa 80 tra parlamentari e senatori di tutti i partiti) ma anche a molti esponenti locali dei partiti e a molti consiglieri delle istituzioni (Comune, Provincia e Regione). Altre categorie ben rappresentate nell' elenco sono i giornalisti (circa 200), medici, dirigenti di banche ed enti pubblici, sindacalisti. Ovviamente alcuni di questi permessi sono legati a legittime esigenze, ma Palazzo Marino intende ridurre la quota di pass concessi senza una reale necessità. Oltre che per un fatto di correttezza, il Comune ha bisogno di ridurre i passaggi sulle corsie preferenziali per evitare che la circolazione degli stessi mezzi pubblici, così come delle ambulanze e delle forze dell' ordine, venga rallentata dal traffico eccessivo.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!