Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Palazzo Marino: telecamere spente alle 18. «Sconti, feste e più mezzi Atm»
Area C, l'ok dei negozianti
«Fuorisalone ogni giovedì»
I commercianti: shopping e arte per il rilancio economico. Necessario investire in eventi serali per la città

Articolo del: 30/03/2012
Autore: Armando Stella

Vai all' articolo originale

MILANO - «Sì al Fuorisalone settimanale dell'Area C». I testimonial della campagna di primavera lavorano nei Bastioni, e dicono: «Un'offerta integrata di shopping, cultura, arte e mobilità alternativa può restituire l'immagine di una Milano aperta, viva, in movimento, in fermento». Sono imprenditori e manager, ristoratori e commercianti, l'ala «illuminata» della piccola economia del centro storico. Approvano o criticano il ticket antitraffico, ma non lo demonizzano. Pesano i disastri della crisi e i danni del pedaggio, «ma senza speculazioni». E ora offrono un patto al Comune: «Facciamo lavoro di squadra, noi sosteniamo i "Giovedì di Milano"». Il progetto: telecamere sui Bastioni spente in anticipo (alle ore 18 anziché alle 19.30), visite gratuite nei musei civici, mostre in saldo, biglietto unico e più corse serali dei mezzi Atm, sconti sul bike sharing , orari prolungati nei negozi e menu a tema nei ristoranti. Parole chiave: shopping, intrattenimento, cultura. Il senso: «Riempiamo l'Area C di eventi per recuperare clienti, incassi e vitalità».

La svolta è nel linguaggio e nei contenuti. Unione Confcommercio - l'associazione di categoria più rappresentativa - non protesta contro Area C, si smarca dai comitati di esercenti «No charge» e lavora con la giunta Pisapia per migliorare la città. Partendo dai giovedì del mini-ticket. Giovedì di festa. Appuntamento fisso. Il lungo confronto sul cartellone delle manifestazioni ha fatto slittare l'inaugurazione (al 26 aprile o alla prima settimana di maggio). Ma i commercianti sono pronti. Guido Cancellieri, 41 anni, è il proprietario del Fashion Café di Brera e del Mama Burger: «Il successo della Vogue night e delle notti bianche dimostra che quando Milano si muove, i cittadini rispondono». Pier Galli, 36 anni, gestisce il ristorante Galleria ed è consigliere delegato dell'associazione Salotto di Milano: «I turisti stranieri continuano ad affollare la zona monumentale del centro, ma il ticket ha ridotto le presenze dei milanesi. I "Giovedì di Milano" possono diventare un Fuorisalone settimanale che restituisca fiducia ai milanesi e ossigeno alle imprese».

Fiducia. Ossigeno. Guglielmo Miani, 36 anni, manager di Larusmiani e presidente dell'associazione di via Montenapoleone, promuove l'effetto anti traffico di Area C, e rilancia: «Noi siamo stati i primi a investire sugli eventi serali infrasettimanali, la Dolce vita e la Vendemmia. Lavoreremo con il Comune per favorire il successo dei giovedì organizzati». Bisogna puntare sulle grandi mostre e sui tesori d'arte «per risvegliare turismo e interesse», dice Fabio Moroni, 55 anni, titolare di Moroni Gomma: «L'ultima domenica a piedi ha riportato migliaia di persone in centro. Un segnale. Milano si muove se c'è una proposta interessante, con eventi di qualità».

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!