Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

L'incidente avrà ripercussioni sull'apertura della metropolitana
Crollo in galleria M5, operaio ferito
Cantiere sequestrato, nuovi rinvii
Una struttura in ferro ha sfiorato un albanese regolare di 22 anni, salvo per miracolo. Accertamenti in corso

Articolo del: 19/09/2012


Vai all' articolo originale

MILANO - Un operaio albanese di 22 anni, Qosta Soefit, è rimasto ferito mercoledì pomeriggio in un incidente sul lavoro in via Duilio, zona Citylife, all'interno del cantiere della linea 5 della metropolitana di Milano. Il giovane è stato trasportato in codice giallo all'ospedale Sacco. Non è in pericolo di vita ed è lucido: ha riportato una sospetta frattura al polso guaribile in 30 giorni (sebbene in un primo momento si temesse una frattura al bacino a causa del carico che lo ha schiacciato). L'area del cantiere è stata posta sotto sequestro.

IL CROLLO - Soefit, residente ad Altamura (Bari) e assunto da una ditta subappaltatrice, si trovava in una galleria in un punto del cantiere che attraversa l'area Citylife, quando una struttura in ferro pronta per essere ricoperta di cemento è «traslata» orizzontalmente crollando nella sua direzione. Le macerie lo hanno investito ma per fortuna, spiegano dall'Asl, l'operaio non si trovava esattamente al di sotto, altrimenti per lui non ci sarebbe stato scampo.

IL SEQUESTRO - L'Asl ha fatto sapere che, in accordo con il magistrato di turno, ha disposto il sequestro per indagare sui motivi che hanno causato il cedimento strutturale. Sulle cause dell'incidente non ci sono ancora ipotesi precise, ma i tecnici Asl parlano di un possibile errore di calcolo nella progettazione che ora determinerà «una seria ispezione e revisione della documentazione relativa ai calcoli progettuali realizzati». L'incidente avrà ripercussioni sull'apertura della metropolitana (prevista per novembre e già rinviata), che a questo punto potrebbe slittare a data da destinarsi. L'apertura era prevista, in una sorta di anteprima, già in occasione della visita del Papa: da allora è stato un susseguirsi di rinvii, fino a quest'ultimo incidente.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!