Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

MILANO, TASSISTI CONTRO LA GIUNTA. Dopo l’ennesimo provvedimento in favore del Car Sharing si alza la tensione con i sindacati

Articolo del: 18/01/2014
Autore: Gabriele Legramandi

Vai all' articolo originale

Nelle prossime settimane la Giunta ha deciso di permettere alle autovetture del CAR SHARING di accedere all’area ZTL di corso Garibaldi, un’ulteriore azione nella direzione di favorire il servizio ideato e gestito dal Comune di Milano. Proprio oggi peraltro il Comune ha arruolato altri 2 gestori, che aggiungendosi ai 4 precedenti arriva a un totale di 6 società coinvolte nel progetto Car Sharing sulle vie di Milano. Vie solo centrali peraltro, poichè l’introduzione dei servizi nelle vie di periferia ha portato danneggiamenti e furti alle autovetture, e per questo erano state ritirate.

Chi però in periferia ci va ancora sono i tassisti, che di questa politica di aiuto al Car Sharing vedono da sempre una forte minaccia al loro lavoro, in quanto sottrare segmenti di clientela importante offrendo gli stessi servizi a un prezzo decisamente più vantaggioso. ”La notizia ci coglie di sorpresa – spiega Pietro Gagliardi dell’Unione Artigiani – e ci lascia decisamente stupiti”. Così Gagliardi, portavoce anche delle altre sigle sindacali dei tassisti: oltre all’Unione Artigiani, S.A.Ta.M., Tam-Acai_Casartigiani, Confartigianato, A.G.C.I., C.C.I., Lega Coop, Uil Trasporti e Fit-Cisl. ”In questi anni – spiegano – abbiamo assistito, e in parte ne abbiamo condiviso le finalità, alla costituzione di aree protette che valorizzassero l’utenza debole, come pedoni e ciclisti. Con il recente provvedimento, però – prosegue Gagliardi, riferendosi all’apertura della ZTL di Corso Garibaldi al Car Sharing – dobbiamo constatare che la politica seguita fino a questo momento è cambiata, e la tutela del cittadino non rientra più tra le priorità di questa Amministrazione Comunale”. Il provvedimento, secondo la voce univoca delle rappresentanze di categoria, è destinato a produrre una forte spinta alla circolazione di auto private, sia pure in condivisione, a discapito dell’intero sistema di trasporto pubblico, costituito, come si sa da mezzi pubblici e soprattutto da taxi che ancora una volta rischiano di essere penalizzati per ragioni non comprensibili.

“Il servizio taxi, andrebbe – prosegue il comunicato – valorizzato per le potenzialità che oggettivamente esprime, ma la politica adottata negli ultimi anni è stata di relegare il servizio a una presenza obsoleta nel trasporto cittadino, a cui viene ormai da tempo negata ogni forma di miglioramento (colonnine telefoniche, richieste per nuove corsie riservate, telecamere per la sicurezza, lotta all’abusivismo). Poi attaccano l’amministrazione: “Da troppo tempo, del resto, si preferisce favorire interessi privati, premiando una fascia limitata di cittadini. “Unione Artigiani – concludonoi tassisti – non condivide e non comprende il progetto dell’Amministrazione Comunale e continua ad auspicare un impegno diverso da parte di Palazzo Marino, teso a non vanificare tutto il lavoro svolto negli anni passati, sia in termini di progettazione che di realizzazione di aree protette”.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!