Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Accordo sulla governance Atm e Gtt di Torino, intesa sulla fusione E' prevista per settimana prossima la firma del protocollo d'intesa tra i sindaci, per novembre la ratifica delle giunte

Articolo del: 30/10/2008
Autore: Andrea Senesi

Vai all' articolo originale

La fusione tra Atm e la torinese Gtt è cosa fatta. E' prevista per settimana prossima la firma del protocollo d'intesa tra i sindaci, per novembre la ratifica delle giunte, a gennaio 2009 l'approvazione finale dei rispettivi Consigli comunali. Il vertice romano di ieri è servito a limare le ultime distanze e a superare le diffidenze di alcuni settori della maggioranza di centrodestra milanese. In quota al capoluogo lombardo andranno tre dei cinque rappresentanti del futuro cda della società. Torino nominerà il presidente, mentre a Milano spetterà la designazione dell'amministratore delegato, nelle cui mani rimarrà «la gestione ordinaria e straordinaria dell'azienda ad eccezione dei poteri esplicitamente riservati al cda». Sui reali assetti della governance incideranno poi una serie di dettagli. Ad esempio il fatto che i budget potranno essere deliberati a maggioranza semplice, assegnando di fatto a Milano la capacità di decidere sui cordoni della borsa. Nell'accordo, anche l'impegno a mantenere gli attuali livelli di organico delle due aziende. «Credo che si sia conclusa positivamente un'operazione industriale d'importanza strategica», commenta il vicesindaco Riccardo De Corato. Nella newco dovrebbe, in un futuro neanche troppo remoto, entrare anche Genova. Probabile che l'azienda di trasporto del capoluogo ligure arrivi a fusione nei primi mesi del 2009. Intanto a Milano, dopo una giornata di confronto comune- azienda, si allenta la tensione nelle relazioni industriali. Il sindacato ha ritirato lo stato d'agitazione. Dal canto suo l'azienda ha sospeso per tre mesi la disdetta degli accordi aziendali firmati dal '90 a oggi. La tregua servirà per riprendere il confronto sull'organizzazione del lavoro nei reparti addetti alla manutenzione. All'ordine del giorno anche la trattativa sull'integrativo aziendale e l'assunzione di personale alla guida e nelle officine.


Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!