Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Assente il direttore dei Servizi informativi Musumeci Ecopass, polemica «bipartisan» sui disservizi Relazione dell'assessore Croci e del presidente di Atm Catania in commissione.
An: «Chiediamo che chi ha sbagliato paghi»

Articolo del: 11/02/2008


Vai all' articolo originale

Croci e Catania durante la relazione (Quattrone)
Doveva essere il momento della verità per individuare motivi e responsabili dei disservizi patiti dai milanesi nei primi giorni di introduzione di Ecopass e invece la commissione comunale congiunta Trasporti e Servizi Civici è stata un'ulteriore occasione per fare il punto, per quanto provvisorio, dei risultati già raggiunti con il pedaggio antismog. «È il momento di riscatto di questa città, che affronta in modo chiaro il problema oggettivo della congestione e dell'inquinamento con provvedimenti nuovi e incisivi» ha detto l'assessore alla Mobilità Edoardo Croci. Ricordando i «primi risultati positivi» dall'introduzione del ticket (riduzione del 20% del traffico nella Cerchia dei Bastioni e il dimezzamento delle auto più inquinanti in ingresso) e «il riscontro positivo dei milanesi verso il provvedimento», Croci ha invitato tutti i consiglieri comunali «a rimboccarsi le maniche, perché i milanesi vogliono l'azione e i fatti, prima ancora di capire di chi sono le colpe».

MEZZI PUBBLICI - Il presidente dell'Atm Elio Catania ha fatto il punto sul potenziamento dei mezzi pubblici. Oltre un migliaio le nuove corse attivate sulle linee di superficie dal 1° ottobre. E grazie al pedaggio antismog tram e autobus hanno assicurato collegamenti più veloci. Il potenziamento ha riguardato nello specifico 13 linee del trasporto extraurbano, con un incremento di 585 corse e 18 autobus in più. Sul fronte dei trasporti urbani c'è stato un aumento complessivo di 555 corse (345 su 7 linee di bus e filobus e 210 su 12 tranviarie) con la messa in servizio di 34 vetture in più. Il raffronto tra i primi tre giorni di questa settimana e i primi tre di quella dopo il rientro fotografa un aumento generalizzato della velocità media giornaliera dei mezzi. Atm ha calcolato anche un incremento dei passeggeri. Nei primi quattro giorni di questa settimana è stato riscontrato è stato del 3,2%, pari a 123.799 passeggeri in più rispetto ai primi quattro giorni della settimana post rientro.


Alessandro Musumeci (da internet)

MUSUMECI - Ma le relazioni di Croci e Catania non sono apparse sufficienti né alla maggioranza né all'opposizione, che hanno continuato a chiedere le ragioni reali delle disfunzioni della macchina organizzativa. I consiglieri comunali di entrambi gli schieramenti restano dunque sul piede di guerra. Indice puntato contro il direttore dei Servizi informativi del Comune Alessandro Musumeci, le cui vacanze, fissate proprio nei giorni di avvio dei sistemi telematici di pagamento, hanno suscitato non pochi dissapori.
Musumeci non si è nemmeno presentato in commissione. «Nessuno che lavora per l'amministrazione si può permettere di rifiutarsi di rispondere alle domande dei consiglieri comunali» ha tuonato Paolo Massari (Forza Italia). Rincara la dose il capogruppo di An Carlo Fidanza: «Chiediamo che chi ha sbagliato paghi, fino alla possibile rimozione dall'incarico, non per spirito giustizialista, ma perché il limite dei disagi è stato ampiamente superato».

MORATORIA - Proprio da An è arrivata la proposta di una proroga dei pagamenti fino al 18 gennaio anche per i permessi singoli nei giorni in cui i sistemi di attivazione (internet e numero verde) sono andati maggiormente in tilt, il 2, 3 e 4. L'assessore Croci si è affrettato a giudicare l'ipotesi «improbabile», per problemi di natura tecnica e amministrativa. Da Forza Italia è arrivata di nuovo la richiesta di una moratoria sulle multe comminate finora a chi inconsapevolmente ha imboccato le strade da poco trasformate in corsie preferenziali per i mezzi pubblici. «Bisogna fare una moratoria fino a domenica su tutte le multe per chi è entrato nelle vie d'accesso da poco trasformate in corsie per i mezzi pubblici, altrimenti tra due mesi sui cittadini si ripercuoterà un'ondata negativa di sanzioni» ha detto il capogruppo Giulio Gallera.

OPPOSIZIONE - Dal canto suo anche l'opposizione si è detta «fortemente delusa» della relazione dell'assessore. «Non abbiamo ancora capito se ci sono state disfunzioni dovute a leggerezza o se occorre metter mano a qualche intervento di fondo - ha affermato la capogruppo del Pd, Marilena Adamo -. Non aver spiegato le ragioni dei disagi dei primi giorni dell'anno, ma anche di queste ultime ore, rischia di mettere a repentaglio il buon esito di un'iniziativa su cui i milanesi hanno già dimostrato fiducia». La Adamo ha quindi invitato l'assessore a far sì che in fase di assestamento di bilancio si possa dimostrare «in modo trasparente» che tutte i proventi dell'Ecopass siano reinvestiti in interventi per la fluidificazione del traffico.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!