Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Strisce blu, il rincaro diventa un giallo

Articolo del: 21/07/2009


Vai all' articolo originale

Annunciati, posticipati e alla fine scomparsi proprio il giorno in cui dovevano partire ufficialmente. E’ il giallo estivo dei nuovi gratta e sosta da 2 euro. Stando a quando anticipato da Palazzo Marino con un comunicato del 17 luglio pubblicato sulla home page del suo sito web, «dai primi giorni della prossima settimana (cioè in teoria da ieri, Ndr) nella cerchia dei Bastioni la tariffa per la sosta sulle strisce blu passerà da 1,50 a 2 euro l’ora». Domenica, telefonando al comando della Polizia municipale di via Beccaria per chiedere spiegazioni, la risposta era inequivocabile: «Da domani chi userà i vecchi gratta e sosta da 1,50 euro nella cerchia dei Bastioni sarà multato». Ieri mattina, però, in giro per il centro dei cartelli con le nuove tariffe non c’era neppure l’ombra. Per cercare di risolvere il giallo, al cronista non resta che ingaggiare un’improbabile caccia all’uomo, anzi al gratta e sosta. Prima puntata dal tabaccaio tra piazza Duomo e piazza Diaz, che però risponde di avere in vendita solo i tagliandi da 1,50 euro. Stessa situazione chiedendo ai venditori ambulanti dalla casacca arancione: «Noi i nuovi gratta e sosta non li abbiamo neanche visti. Secondo alcuni arriveranno tra uno o due giorni, secondo altri a settembre». Figuriamoci gli automobilisti, che cascano completamente dalle nuvole: «I nuovi gratta e sosta? Che cos’è, uno scherzo?». Intanto per la città si rincorrono le leggende metropolitane. «Io ho visto i nuovi cartelli in viale Bligny», giura il barista di un locale in piazza Santo Stefano. Ma in realtà recandosi sul posto si trovano ancora quelli vecchi. Non resta che telefonare alla società che gestisce la distribuzione dei gratta e sosta. «Noi non ne sappiamo nulla - risponde la responsabile, Emiliana Siracusa -. Stiamo ancora vendendo quelli da 1,50 euro in tutte le vie interne ai Bastioni. E aspettiamo che il Comune ci fornisca indicazioni, cosa che non ha ancora fatto». Il giallo resta insoluto, rimane una sola certezza: il gratta e sosta «assassinato» non aveva molti amici.


Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!