Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Sconto sull'abbonamento mensile (20%) o annuale (10%) per le linee fuori dagli standard

Torna il bonus pendolari: risarcito
chi subisce ritardi e disservizi

La giunta ha approvato i nuovi contratti per il servizio ferroviario con Trenitalia e con LeNord fino al 2014

Articolo del: 10/11/2009


Vai all' articolo originale

MILANO - Buone notizie per chi viaggia in treno in Lombardia: è tornato il bonus pendolari a rimborso di ritardi e disservizi. Trenitalia l'aveva bloccato per la mancata firma del contratto di servizio con la Regione Lombardia; martedì la giunta ha approvato i nuovi contratti per il servizio ferroviario con Trenitalia e con le Ferrovie Nord per il periodo 2009-2014. L'accordo con Trenitalia vale 267 milioni di euro l'anno, quello con LeNord 76,9. Nel solo biennio 2009-2010 si parla di 40 milioni di euro in più per i nuovi servizi e in totale di un investimento di 110 milioni in più da parte della Regione ogni anno. Investimento ripagato con l'avvio dell'orario invernale il prossimo 13 dicembre con 249 corse in più. E con un impegno delle due società a investire 250 milioni di euro in nuovi treni.


ANCHE RETROATTIVO - Il bonus non riguarderà solo i disservizi futuri, ma anche quelli patiti dagli abbonati ai treni delle Ferrovie dello Stato (le Nord non hanno mai smesso di erogarlo) nei mesi scorsi, e questo spiega perché la Regione ha deciso di ritirare il ricorso che aveva presentato al Tar. Il rimborso forfettario per il 2008 sarà riconosciuto a dicembre e gennaio, quello per il 2009 a febbraio e marzo. Il valore, a seconda della linea, va da uno sconto sul nuovo abbonamento del 20% a uno del 50% (ad esempio per la Lecco-Brescia, la Milano-Varese e la Bergamo-Milano via Carnate). E da gennaio 2010 torna il bonus pendolari, sistema che mette direttamente nelle tasche dei viaggiatori il corrispettivo della penali applicate in caso di inadempienze contrattuali: il bonus verrà riconosciuto come sconto sull'abbonamento mensile (20%) o annuale (10%) per quelle linee che non rispetteranno gli standard di puntualità e di soppressioni fissati. «È un deciso miglioramento del servizio per i 500mila lombardi che ogni giorno si spostano su ferro - ha commentato il presidente della Regione Roberto Formigoni -. Tutti gli impegni di miglioramento sono stati puntualmente scritti nei contratti». «Mi ero preso l'impegno di non lasciar cadere il tema del mancato pagamento dei bonus - ha aggiunto l'assessore ai Trasporti Raffaele Cattaneo - e la soluzione individuata è il segno dell'attenzione della Regione».


LA NUOVA SOCIETA' - La firma del contratto di servizio è anche un passo avanti per la nuova società costituita da Trenitalia e LeNord (Tln) per gestire le ferrovie in Lombardia. La firma dell'accordo con i sindacati sulla newco, infatti, era legata alla firma dei contratti che il primo anno saranno separati, per essere poi uniti in un unico testo alla fine della fase sperimentale di Tln. «Il varo dei contratti di servizio avvenuto ieri mattina - continua Cattaneo - completa la formalizzazione dell'avvio dell'attività di Trenitalia-LeNord. Prosegue quindi il lavoro iniziato da Regione Lombardia per dare una svolta al tema del trasporto ferroviario nella nostra regione, lavoro che, come spesso accade, percorre strade innovative. I contratti di programma rispettano i contenuti del Patto per Trasporto Pubblico siglato tra tutti i soggetti lombardi coinvolti nel mondo dei trasporti e rispondono a modalità e obiettivi specifici che rendono il nostro modello unico nel Paese».



Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!