Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Piano anti-ingorghi per i mezzi pubblici

Il traffico resta il principale nemico di autobus e tram. E il Comune prepara interventi radicali per proteggerne i percorsi

Articolo del: 12/11/2009
Autore: Oriana Liso

Vai all' articolo originale


Tram bloccati

in viale GoriziaServe un «netto miglioramento delle prestazioni del trasporto pubblico, affinché possa costituire una valida alternativa al mezzo privato». Per farlo sono necessari interventi radicali: via 60mila posti auto per far circolare tram e autobus, largo a nuove corsie preferenziali, a telecamere e a ticket d’ingresso. Ad ammettere i problemi, chiedendo nello stesso tempo al Comune di fare la sua parte, è Atm che ha stilato le “proposte di intervento per il miglioramento delle funzionalità dei mezzi pubblici», un elenco ragionato di consigli per i responsabili della Mobilità di Palazzo Marino. Alcune di quelle richieste, sintetizzate mesi fa ma mai rese pubbliche, cominciano a essere prese in considerazione soltanto ora, nel piano antitraffico del vicesindaco De Corato.



LE CORSIE RISERVATE

Il punto di partenza dello studio è la constatazione di un semi-fallimento delle sbandierate politiche per la mobilità sostenibile: perché su 1.347,9 chilometri di rete dei trasporti pubblici, solo 186,4 sono in corsie parzialmente o totalmente riservate, ma nessuna linea viaggia per tutto il percorso in sede separata. Questo ha ripercussioni sulla regolarità delle corse e sulla velocità (un tram nelle ore di punta viaggia con una media tra i 4 e i 9 chilometri orari). Nei tratti critici i problemi sono di tre tipi: la segnaletica orizzontale che indica la corsia riservata è poco rispettata (via Solari, via Ludovico il Moro, corso Monforte, Foro Buonaparte); i tempi dei semafori penalizzano i mezzi pubblici (in piazza Lega Lombarda come in corso Sempione); infine, ci sono troppe linee sullo stesso percorso. Che fare? Atm propone tre soluzioni: rivedere i tempi dei semafori, rendere evidenti e protette le corsie riservate (con cordoli e barriere), istituire nuove zone a traffico limitato. Il piano suggerisce 32 nuovi chilometri di corsie riservate.



LA SOSTA

Certo, le nuove linee del metrò risolverebbero molti dei problemi dei mezzi di superficie. Ma il fatto è che ogni scadenza — che si parli di nuove linee o di prolungamenti di quelle esistenti — viene sempre rimandata perché non ci sono soldi o volontà politica. Ecco perché anche gli studi di Atm sono realistici e ipotizzano un programma «attuabile in assenza di nuove linee metropolitane, quindi anche a breve termine». Sei punti: estensione della sosta a pagamento; eliminazione della sosta dagli assi maggiormente trafficati dove i mezzi pubblici viaggiano con quelli privati; estensione delle Ztl esistenti con concessione di pass per ingresso e sosta ai soli residenti delle singole aree; maggiore attenzione ai tempi dei semafori; intensificazione della rimozione forzata; nuovi anelli di capolinea tranviari in zone semicentrali (come, appunto, ha annunciato De Corato). Due soli i punti del piano b, quello realizzabile solo dopo la costruzione di M5 e M6 «e cioè dal 2015»: introduzione di un pedaggio (“road pricing”) fino all’anello della 90/91 e un piano di incremento delle tariffe della sosta.



LE AUTO PRIVATE

Corse che saltano, viaggi infiniti. Sono tanti i motivi per cui ancora molti milanesi (e molti che a Milano entrano per lavoro ogni giorno) preferiscono l’auto privata ai mezzi pubblici. È un cane che si morde la coda, però: perché se ci fossero meno auto in giro ci sarebbe più spazio per far viaggiare (meglio) i mezzi pubblici. Ecco perché Atm chiede una cura drastica, ricordando che il codice della strada «prevede che lungo le principali strade cittadine (di scorrimento, interquartiere e di quartiere) sia totalmente vietata la sosta. Se da circa 200 chilometri lineari di strade — spiega il piano di Atm — si eliminassero 60mila auto in sosta, aumenterebbero velocità e soprattutto regolarità dei mezzi, con un risparmio «valutabile in 15-16 milioni di euro all’anno» per il miglioramento delle prestazioni e la riduzione dei turni dei conducenti. Ma gli analisti sono chiari: per ottenere questo risultato vanno installate nuove telecamere e «va sottolineata la necessità di avviare un nuovo piano parcheggi con l’obiettivo prioritario di realizzare posteggi sotterranei pubblici e privati per bilanciare l’ eliminazione di posti auto dalle strade».

Commento: Come al solito andrà a finire che si penalizzerà chi deve girare in macchina, senza in realtà offrire significativi miglioramenti a livello di mezzi pubblici. Questo perchè la prima cosa è un' occasione per aumentare le entrate, la seconda richiede invece investimenti onerosi e impegno serio.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!