Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Il tribunale boccia il divieto della Regione sull'uso di olio per il riscaldamento

Smog, il Tar respinge il piano del Pirellone

Accolto il ricorso sui combustibili. «Più rischi per chi vive e lavora a Milano». In procura il dossier del Comune

Articolo del: 03/01/2010
Autore: Biagio Marsiglia Armando Stella

Vai all' articolo originale

MILANO - Il Tar boccia la politica anti­smog della Regione e «annul­la» la delibera che vieta in tut­ta la Lombardia «l’utilizzo del­l’olio combustibile per gli im­pianti di riscaldamento civi­le». In Procura, nelle stesse ore, s’ingrossa il fascicolo a carico di Roberto Formigoni, Letizia Moratti e Guido Pode­stà: il procuratore aggiunto Nicola Cerrato ha chiesto una relazione a governatore, sin­daco e presidente di Provin­cia, e «acquisito» documenti e atti sulle politiche contro l’inquinamento. Nelle carte dell’inchiesta è finito, per pri­mo, il dossier della Fondazio­ne Lombardia per l’Ambien­te: la ricerca sostiene che «la popolazione residente che la­vora a Milano, i residenti non occupati e le persone presso strutture ospedaliere presen­tano un grado di esposizione di tipo cronico».


Smog e giustizia, prima sentenza. Sezione IV del Tar, dispositivo depositato il 14 di­cembre. Iplom, società che produce gasolio e bitumi, ha presentato ricorso contro la delibera regionale del 2006 sul divieto di benzine e distil­lati pesanti per il riscaldamen­to. Accolto. «Ogni progetto di regola tecnica — si legge nel­la sentenza — deve essere preventivamente notificato alla Commissione (Ue, ndr), anche quando lo scopo» è «di provvedere alla tutela della sa­lute pubblica, dei consumato­ri o dell’ambiente». Il Pirellone, dunque, avreb­be fatto la scelta giusta ma senza avvisare prima Bruxel­les. E ora? «Lo Stato Italiano — scrivono i giudici — dovrà portare a conoscenza della Commissione Europea la re­gola tecnica di cui è causa, af­finché la Commissione possa esprimere il proprio orienta­mento ». La delibera, però, è immediatamente nulla. In Tribunale, intanto, pro­cede l’indagine su polveri sot­tili e responsabilità ammini­­strative, l’inchiesta nata da due esposti del Codacons. A Formigoni, Moratti e Podestà è contestato il «getto pericolo­so di cose», reato che preve­de la pena massima di un me­se d’arresto o un’ammenda di 206,58 euro.


Il procuratore Cerrato e il sostituto Giulio Benedetti aspettano le relazio­ni difensive e si riservano di chiedere chiarimenti sulle de­cisioni adottate. A Firenze, proprio in questi giorni, si è aperto il processo sulle emis­sioni di Pm10 e biossido di azoto in cui sono imputati l’ex sindaco Leonardo Domi­nici, governatore e assessori. Tra i testimoni citati dai difen­sori ci sono il ministro Stefa­nia Prestigiacomo, l’ex sinda­co di Roma Walter Veltroni e Letizia Moratti. Due bacchettate del Tar in dieci giorni. Prima la sospen­sione delle nuove regole per il carico e scarico merci a Mi­lano, ora la bocciatura sulle caldaie. «Chiederò l’interven­to della Corte di giustizia eu­ropea », annuncia il consiglie­re comunale dei Verdi, Enrico Fedrighini: «Il Tar della Lom­bardia mette all’ultimo posto la salute dei cittadini, un prin­cipio costituzionalmente pre­valente rispetto alle deroghe e agli interessi di imprese e commercianti». La proposta antiveleni di Roberto Caputo, Pd: «Rendere gratuiti per le fe­stività natalizie i parcheggi di interscambio di accesso alla città, per incentivare i cittadi­ni a lasciare la macchina e uti­lizzare i mezzi pubblici». Così Francesco Rizzati, Pdci: «I mi­lanesi chiedono la chiusura del centro storico».


Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!