Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Smog, Pm10 sopra i limiti, ma di poco
Formigoni: «Non si parli d'emergenza»

Articolo del: 02/02/2010


Vai all' articolo originale

MILANO - Lo smog è «un problema che ha dei momenti di criticità, ma non è un'emergenza, come qualcuno continua a sostenere». E’ quanto affermato dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, che si è detto d'accordo con l'ipotesi di un nuovo blocco delle auto, domenica prossima. Formigoni ha sottolineato che non è stato ancora deciso nulla, ma che l'ipotesi conferma «l’attenzione che tutte le nostre amministrazioni hanno per la questione». Il governatore ha poi sottolineato che «rispetto al ’97 quando ho iniziato a porre il problema dell’inquinamento, i parametri si sono tutti abbassati. Oggi siamo poco sopra la soglia e gradualmente riusciremo a risolvere definitivamente il problema».


DOMENICHE BEFFA -Forse la soluzione non verrà (o non solo) dalle domeniche senz'auto, che il premio Nobel per la letteratura Dario Fo definisce «un insulto all'intelligenza della gente». Queste misure secondo Fo sono «delle beffe, come se si potesse pensare di risolvere il problema in una domenica, quando ci sono già poche auto». Fo - intervenuto alla presentazione dello spettacolo «L'Apocalisse rimandata», tratto dal suo omonimo libro, che racchiude anche una forte denuncia ecologica - ha detto: «Milano riesce ancora a tenere campo nel record della distruzione, avendo superato i livelli di respirabilità da 22 giorni - ha detto -. Però la donna più importante della città dice che non c'è da preoccuparsi, spiegando che ci sono altre città con livelli di inquinamento simili». Milano, è «una città disperata per il clima» per il premio Nobel, che ha anche lanciato l'allarme per il «freddo innaturale e insolito» di questi giorni, segnale tangibile dei cambiamenti climatici. «Servono misure di ben altro genere» ha concluso, e «bisogna coltivare la coscienza civile», dopo che «sono stati distrutti tutti i polmoni verdi disponibili». La sua ricetta: «fermare il traffico alla periferia e convogliare la gente in centro con i mezzi pubblici» su modello di ciò che è stato fatto a Londra.


SOPRA I LIMITI - Intanto, anche martedì la concentrazione delle polveri sottili in città è salita oltre il livello di guardia fissato dall’Unione Europea in due centraline di rilevamento su tre. Rispetto a lunedì c’è stato però un miglioramento sensibile e soprattutto da giovedì sera è previsto l'arrivo di una perturbazione che dovrebbe contribuire a ripulire l'aria. Si allontana dunque l’ipotesi, prospettata dal vice sindaco e assessore alla Mobilità e Trasporti Riccardo De Corato, di un nuovo blocco del traffico per domenica prossima. Per martedì e mercoledì è comunque confermato l’obbligo di pagamento di Ecopass per i veicoli diesel Euro 4 e Euro 5 senza filtro anti particolato. «I dati ufficiali di Arpa Lombardia sul Pm10 di questa mattina - scrive De Corato in una nota - rilevano una media delle concentrazioni di 58 microgrammi al metro cubo di Pm10 per la stazione del Verziere, di 51 per quella di via Senato e di 49 per quella di Pascal. Un netto miglioramento rispetto ai valori di settimana scorsa, grazie anche a Ecopass. I valori, per due delle tre centraline, rimangono ancora, se pur di poco, sopra la soglia limite di 50 microgrammi al metro cubo: per oggi e per domani i veicoli diesel euro 4 ed euro 5 senza fap dovranno pagare l’Ecopass da 5 euro per accedere alla Cerchia dei Bastioni».


Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!