Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Nostalgia per il vecchio ghisa

Articolo del: 18/04/2008
Autore: Marco Marelli, vicedirettore di Gente Motori

Vai all' articolo originale

􀀊 on la primavera
sbocciano i fiori
ma anche le prime
contravvenzioni
dell’amatoodiato
Ecopass. Le multe
stanno per essere consegnate
ma attenzione: attraverso un
bel portale Internet si potrà
interagire per documentarsi o
difendersi.

Figli, attrezzatevi, perché madri
e padri si sa, non hanno
grande dimestichezza con
questi sistemi moderni e
quindi chiederanno aiuto a
chi con il computer è più
esperto, non appena la multa
verrà recapita.

Viene da rimpiangere il vecchio
ghisa. Sbagliavi, ti fermava,
discutevi e poi il verbale
poteva anche arrivare,
ma tutto finiva lì. Ora invece
occhi indiscreti, le telecamere,
registrano. Passa il tempo e
poi vai a ricordarti dove eri
quel giorno, in quella data…
Certo c’è la tecnologia: Internet,
sul sito appositamente
realizzato. Ma quanto tempo
si perde! La pubblica amministrazione,
sulla faccenda
dell’Ecopass, in particolare,
sembra trovi forma di assoluto
piacere nel complicare la
vita ai cittadini come quando
istituì la centrale operativa telefonica,
la quale nei primi
giorni era sotto dimensionata
e anche un po’ impreparata
ad accogliere tutte le richieste
che arrivavano. Si parlò di
moratoria, almeno per un periodo,
perché era un esperimento.
Poi più nulla. L’Ecopass
continua ad essere sempre
ingombrante e con risultati
tutti da dimostrare,
contravvenzioni escluse (12
mila verbali nei primi giorni!).
A riceverle quindi saranno
in tanti e altrettanti dovranno
pagarle.
I soldi, sempre tanti, dicono
che serviranno per mettere in
sicurezza le fasce più deboli,
per favorire l’utilizzo dei trasporti
pubblici ai dipendenti
di imprese attraverso abbonamenti
scontati, per incrementare
il car pooling (auto
di gruppo) e il car sharing
(auto condivisa con più persone),
per pagare i mutui accesi
per finanziare le opere
legate alla mobilità.

A questo punto si immaginano
marciapiedi sempre più
alti e invasivi; corsie speciali
per le automobili stracariche
di passeggeri (il car pooling)
e per le automobili in locazione
multipla (il car sharing).
Tutte idee che sulla carta possono
apparire anche intelligenti
ma non nella pratica.

Come è l’Ecopass e come sarà
il portale.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!