Scopri i tesori di Milano su
www.milanofotografo.it
SOS-TRAFFICO-MILANO.IT
Sito per la difesa della mobilità a Milano e Lombardia

Metrò, tariffe diverse anche in città
entro l'anno il via libera del Pirellone
Milano divisa in due cerchi concentrici: fino a 1,50 euro per passare da uno all’altro. Per spostarsi
nell’hinterland tra due comuni vicini, invece, ne basterebbero 1,25. Il Comune frena per le elezioni

Articolo del: 21/02/2011
Autore: ILARIA CARRA

Vai all' articolo originale

La promessa del Pirellone è chiara e precisa: «Entro l’anno tariffe più eque», ha assicurato il governatore Roberto Formigoni all’inaugurazione del prolungamento del metrò 2 fino ad Assago: 2,10 euro per raggiungere il Forum dalla città, è il prezzo attuale. Più del doppio dell’euro cittadino, tanto da suscitare polemiche per l’ultimo caso di "discriminazione" nei biglietti extraurbani. Così la Regione, ora, assicura una revisione delle tariffe del trasporto pubblico, oggi stabilite dalla divisione in cerchi concentrici con zone e sottozone (il Sitam, sistema integrato tariffario dell’area milanese) che crea una sproporzione tra città e hinterland.

«La differenza con l’euro singolo che si paga in città è troppo alta — ha ribadito l’assessore ai Trasporti, Raffaele Cattaneo — stiamo lavorando con Comune e Provincia a un sistema che distribuisca meglio le tariffe e permetta magari di risparmiare a Milano e di pagare con proporzionalità a chi si muove su tratte lunghe». Per farlo, però, andrà aumentato il biglietto urbano, che il sindaco Letizia Moratti giura non sarà toccato almeno fino alle elezioni comunali.

Un piano di lavoro c’è già, in realtà. Il Pirellone ipotizza di dividere Milano in due cerchi concentrici: passare da una zona all’altra costerebbe fino a 1,50 euro. Per spostarsi nell’hinterland tra due comuni vicini, invece, ne basterebbero 1,25. Uno scenario che nei mesi scorsi il Pirellone ha sottoposto al tavolo sull’integrazione tariffaria, ma che Comune e Atm hanno stoppato, per ora. «Nel giro di pochi mesi ci arriveremo», assicura anche Guido Podestà, presidente della Provincia.

Commenti

 Effettua il Login per poter inserire un commento!